Archivi categoria: dvd

Barbie – La Principessa e la Pop Star

Eccoci con un altro dvd, dopo Barbie – A perfect Christmas uscito nel 2011, quest’anno Barbie ha una nuova amica, la Pop Star Keira!

Grazie a Universal Blog Club abbiamo ricevuto il dvd Barbie – La Principessa e la Pop Star. Come ogni volta che arriva a casa un pacco, una scatola o anche una busta, M5 e C2 diventano euforiche, convinte che sia tutto destinato a loro. E questa volta avevano ragione!

Packshot Barbie la Principessa & la Pop Star

Packshot Barbie la Principessa & la Pop Star

Abbiamo subito guardato il dvd, che narra l’amicizia tra Tori, Barbie principessa e la sua pop star preferita Keira. Le due amiche si scambiano identità, grazie a una magia che permette loro di apparire identiche. E il resto è una sorpresa, piena di musica, divertimento e colpi di scena.

Ho ripensato al film della Walt Disney, Il cowboy con il velo da sposa, in cui due gemelle, separate alla nascita a causa del divorzio dei genitori, si incontrano casualmente e si scambiano i ruoli per fare tornare insieme mamma e papà.
Mi ricordo come, in gioventù, ma neanche tanto… invidiavo molte mie amiche e mi immaginavo vivere la loro vita invece della mia, o semplicemente essere uno dei miei due fratelli maschi. Ai miei occhi la loro vita è sembrata sempre più semplice della mia, soprattutto negli anni della adolescenza.

Le mie bimbe invece hanno subito inscenato uno spettacolo, seguendo, più o meno, il ritmo della musica e delle canzoni che susseguono nel film. Tutto questo senza distogliere gli occhi dallo schermo pieno di luci, magia, vestiti meravigliosi…

Mi piace ricevere questo tipo di prodotti: per me è ancora strano maneggiare custodie tutte rosa; non sono ancora abituata e ogni volta ricordo il maschiaccio che ero; le mie figlie mi stanno facendo scoprire un mondo nuovo e sono felice di guardare con loro un film che, all’età di M5 non avrei mai accettato di guardare.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in bimbi, dvd, Recensioni

Lorax, il guardiano della foresta

Ormai sono mesi che ho ricevuto dal Club Blogger Universal il dvd Lorax, il guardiano della foresta, ma solo recentemente mi sono decisa a guardarlo da sola, senza M5 che si rifiutava di mettersi con me davanti alla tv.

Nella città in cui vivo, Milano, vorrei che ci fosse una invasione di guardiani della foresta, come Lorax: tanti gnometti baffuti che riprendono le persone che non rispettano il poco verde ormai  rimasto in questa città ricoperta di asfalto e cemento.

SINOSSI: Il giovane Ted vive nella città artificiale di Thneedville: gli alberi sono finti, il suolo è di plastica, le stagioni non esistono più e l’aria è venduta a domicilio. Un giorno il ragazzo decide di andare alla ricerca di un vero albero da regalare alla sua amica, di cui, diciamolo, è anche un po’ innamorato. Ted scoprirà che non è semplice procurarsi l’albero di Truffula.

Dovrà incontrare l’anziano eremita Once-ler che gli racconterà di come una volta, la landa desolata e buia dove vive il vecchio, fosse una valle rigogliosa abitata da animali e ombreggiata da bellissimi alberi di Truffula. Once-ler stesso li ha distrutti tutti, ignorando le intimidazioni del guardiano della foresta, Lorax che voleva impedirgli di abbattere gli alberi.

Sarà compito di Ted ridare vita agli alberi di Truffula grazie all’ultimo seme che gli consegnerà Once-ler riscattandosi dal grosso guaio che ha combinato. Finalmente Once-ler capisce il senso della frase che Lorax gli lascia prima di volare via: “a meno che…”: a meno che qualcuno non ci tenga molto, niente andrà meglio o sarà risolto, firmato Dr. Seuss, l’autore del libro da cui è tratto il film.

Questo film animato ha tanti risvolti educativi, utile ai bambini per capire l’importanza degli elementi della natura e del valore del rispetto per fauna e flora, ma anche gli adulti dovrebbero guardarlo e meditare su come trattiamo le risorse della terra che non sono infinite. I bambini vedono piccole cose a cui noi restiamo indifferenti e a loro dobbiamo affidare i piccoli semi di Truffula ormai rimasti a questo mondo.

Nel dvd c’è un extra che mi è piaciuto particolarmente: il cartoon artist Mark O’Hare insegna ad alcuni bimbi a disegnare Lorax e gli animali della valle della Truffula, i pesci canterini e i barbalotti e poi guardano insieme i risultati delle loro opere.
Ecco, se M5 non vuole proprio vedere il film magari le proporrò, per iniziare, di disegnare Lorax, che mi piace molto, anche perché è doppiato, in italiano, da Danny De Vito e i suoi amici della foresta.

Lascia un commento

Archiviato in bimbi, dvd, Recensioni

Ho visto Qualcosa di straordinario.

Mi assale ancora una forte emozione quando penso a questo film, arrivato a casa qualche giorno prima della partenza per le vacanze estive.

Il club delle mamme blogger mi è venuto in aiuto proprio mentre cercavo argomenti e modi di intrattenere M5, a fine luglio, durante infinite torride giornate milanesi, da alternare a gran bagni in vasca.

M5 si è appassionata alla avventura narrata nel dvd Qualcosa di straordinario: una storia vera di una famiglia di balene intrappolate sotto il ghiaccio del Circolo Polare Artico.

Adam (John Krasinski), reporter di provincia e Rachel (Drew Barrymore) attivista di Greenpeace smuovono l’opinione pubblica per salvare le balene grigie; tutto il mondo si appassiona a questa vicenda tanto da essere trasmessa sui canali televisivi nazionali di tutti i paesi e da riunire entità completamente divergenti, a livello politico e ideologico, alla ricerca di una soluzione rapida.

Gli Inupiat, gli indigeni del Circolo Polare Artico e cacciatori di balene, un magnate del petrolio con enormi interessi in Alaska e gli attivisti di Greenpeace insieme per cercare di salvare i maestosi cetacei. Per non parlare di USA e Russia che collaborano lasciando da parte le divergenze politiche.

M5 non smetteva più di fare domande perché, sebbene la sceneggiatura sia stata semplificata per la visione dei bambini, ci sono elementi che per loro non sono così scontati. Una delle cose che amo di più di essere mamma e la continua sfida con me stessa nel tentativo di dare delle risposte esaurienti ai figli che hanno voglia di sapere, almeno per ora…

È un film molto istruttivo perché insegna a rispettare l’ambiente e struggente dal punto di vista emozionale perché racconta la verità: della famiglia di tre balene il piccolo Bam Bam non ce la fa, muore prima di riuscire ad essere liberato.

A stento sono riuscita a contenere la mia emozione e M5 mi è parsa più perplessa che emozionata: lei continuava a fare domande su dove fosse finito Bam Bam e io non riuscivo a rispondere dal magone.

È quel giorno che credo che M5 abbia capito che anche i piccoli non sono immortali.

Bimbi e cuccioli di animali, per M5, non fanno grande differenza, sempre figli di…. si tratta e quindi:

“come fanno i cuccioli e i bambini a morire prima della mamma e del papà?!?!”

Bella domanda, quello che so è che sicuramente non sono riuscita a esaudire il suo desiderio di sapere, soprattutto considerando lo stato d’animo in cui ero.

2 commenti

Archiviato in dvd, Recensioni

Pina Topolina.

Avendo l’onore di fare parte delle mamme blogger coinvolte nel progetto della Universal Pictures, dopo Il Gatto con gli stivali abbiamo ricevuto il dvd Pina Topolina aiuta a crescere.

10 episodi coloratissimi, adatti ai bimbi più piccoli, anche grazie ai movimenti lenti e ripetitivi dei personaggi; in realtà anche M4 apprezza molto le brevi storie di Pina tant’è che tra poco entreremo in Maisy’s fun club, già lo so…

In ciascun episodio Pina Topolina e i suoi amici giocano con oggetti molto colorati e familiari a tutti i bambini e vivono situazioni in cui i piccoli spettatori si immedesimano: la pipì addosso nell’episodio Oops!, il Mal di pancia di quel golosone dell’amico Cocconino che mangia troppi dolci e sta male; o i classici giochi per bimbi come Il Dottore assieme al pulcino Pio Pio.

I 10 episodi sono semplici e altamente educativi anche per i bambini più piccoli: in Che Disordine viene insegnato a mettere a posto i giochi alla fine della giornata trascorsa a divertirsi.

Quando inizia Bolle C1, che adora le bolle di sapone, non stacca gli occhi dallo schermo. Sarà che l’elefantino Tino farà delle bolle giganti?!?!

Così come Le Pulizie, altro episodio che C1 ama molto perché l’aspirapolvere è il suo elettrodomestico preferito.

E per finire niente di più azzeccato dell’episodio I Pesci: alla scuola materna la classe arancione di M4 ha un acquario da 1 anno con 3 pesci rossi che i bambini accudiscono con grande senso di responsabilità.

Il dvd Pina Topolina Aiuta a crescere è l’unico dvd che mette d’accordo C1 e M4.

Lascia un commento

Archiviato in bimbi, dvd, Recensioni

Gatto, il Gatto con gli Stivali.

Sarà perché mio padre tirava di scherma: questa disciplina mi ha sempre affascinata ma non ho mai avuto l’occasione di farne pratica. Purtroppo quando le mamme blogger della Universal si sono riunite al Circolo della Spada Mangiarotti di Milano per festeggiare l’arrivo di Puss in Boots – Il Gatto con gli Stivali io facevo la mamma crocerossina…

E quindi anche questa occasione, di fare pratica, è saltata ma non quella di vedere il Gatto con gli Stivali, il miglior film d’animazione dell’anno.

Dopo che Il Gatto con gli Stivali compare nella saga di Shrek, la produzione ha deciso di scrivere un film interamente dedicato a questo coraggioso personaggio.

Gatto viene ingaggiato dal suo amico di sangue Humpty Alexander Dumpty, che lo ha tradito anni prima, per recuperare dei fagioli d’oro. Gatto sniffa il pericolo e in ogni caso non vuole più avere a che fare con il suo ex-amico. Solo il fascino di Kitty zampe di Velluto lo convince a intraprendere l’impresa.

Questo film presenta e sviluppa una serie di valori quali il senso dell’onore, la lealtà, l’amicizia, la generosità sempre in lotta con la violenza, l’avarizia, il disonore, la slealtà…

I caratteri dei personaggi sono piuttosto complessi soprattutto quello di Humpty Dumpty, un uovo, orfano, che incarna la lotta tra il bene e il male: diviene fratello di sangue con Gatto, ma lo tradisce per avarizia; ha bisogno della forza di Gatto per accaparrarsi l’oca dalle uova d’oro ma non svela il suo accordo con i due malvagi Jack e Jill. Infine però il suo riscatto è totale…

“Non è mai troppo tardi per fare la cosa giusta”, in questa frase si cela la morale del film, una massima che è entrata nel mio taccuino delle quotation.

Antonio Banderas dà la voce a Gatto anche in italiano, rendendolo un macho a tutti gli effetti. La voce profonda stride con le forme e i movimenti da gattino del suo personaggio: è questo a rendere particolarmente divertente tutto il film.

È interessante anche l’epilogo della storia che non è più quella di una volta … e vissero tutti felici e contenti. D’altra parte i gatti sono animali solitari.

1 Commento

Archiviato in bimbi, dvd, Recensioni

Kung Fu Panda 2

Finalmente, alla vigilia di Capodanno mi sono ripresa dalle feste natalizie e con tutta la calma che regnava in casa con M4 e un suo amichetto abbiamo guardato Kung Fu Panda 2… e la calma è finita.

I due non hanno smesso un attimo di urlare vocalizzi e copiare mosse di Kung Fu di Panda Po e dei Cinque Cicloni. Io non sentivo i dialoghi e più alzavo il volume e più loro si immedesimavano nei personaggi: io sono Po, tu sei Tigre, no io sono Tigre, la mamma è Po, tu sei Gru!

Ho rivisto il film da sola.

Il week-end prima di Natale abbiamo partecipato all’evento organizzato per il gruppo delle Mamme Blogger Club di Universal svoltosi al Quanta Village di Milano; è stata una mattina insolita e decisamente istruttiva: un gruppo di ragazzi che pratica il Kung Fu ha spiegato che non si si tratta di un’arte marziale ma della capacità di esercitare i 3 tesori del corpo, della mente e dello spirito; con il termine Kung Fu si intendono, piuttosto, tutte le arti marziali cinesi.

Alla teoria è seguita la pratica: e qui viene il bello; le mamme, quasi tutte, e pochi bimbi, si sono affidate agli esperti di Kung Fu che hanno voluto insegnare qualche figura di Kung Fu. È stato a dir poco divertente, ci hanno insegnato la Tigre,  aggressive! il Serpente, difficilisssimo!  e la Gru, stupenda! Il disastro, mio, si è verificato quando hanno chiesto di assumere, in sequenza, le tre posizioni: il Serpente mi manda in confusione.

Il film mi ha fatto commuovere e tanto tanto ridere.
Il Guerriero Dragone Po è ancora lontano dall’acquisire la pace interiore che il suo maestro Shifu lo induce ad apprendere ed esercitare. Ma Po è chiamato ad affrontare, insieme ai suoi cinque amici Cicloni, Tigre, Gru, Mantide, Scimmia e Serpente, il pericoloso e ambizioso pavone Lord Shen che intende diventare il padrone assoluto della Cina.

Kung Fu Panda 2 commuove per le storie di separazione dei genitori dai figli, forzata quella tra Po e i suoi veri genitori e inevitabile la seconda, quella tra Po e il suo genitore adottivo Mr Ping; commuove anche la forte presenza del valore dell’amicizia che “si taglia a fette” per tutto lo svolgimento del film.

Si ride, si ride tanto perché Po non è agile come la Tigre o veloce come la Mantide tanto che a volte mette in imbarazzo i Cinque Cicloni.

Il dialogo che più ha lasciato il segno, fondamentale in qusto perido della mia vita:

Po: “Come può il Kung Fu fermare una cosa che ferma il Kung Fu?”
Shifu: “Tutto è possibile quando hai la pace interiore”.

Mentre una delle scene in cui, anche a ripensarci, mi sbellico dalle risate è quella in cui Shifu ricorda il periodo più brutto della sua vita…

Infine la scena che più preferisco si svolge nel palazzo di Lord Shen con Tigre che intima Po di restare dove si trova mentre i suoi Cinque amici Cicloni vanno a cercare e sconfiggere Lord Shen.

Guardate il film e poi scrivetemi se non è un dvd da guardare e riguardare e riguardare e riguardare……

Lascia un commento

Archiviato in bimbi, dvd, Eventi