Archivi del mese: luglio 2012

Al Maglifico, lezioni di cura della lana.

Io che l’anno scorso ho acquistato un twin set di cachemire (mica due euri) e indossato una volta sola per timore di sporcarlo ma soprattutto di fare danni nel tentativo di pulirlo, non potevo non accettare l’invito di Jolanda di Fattore Mamma che mi ha invitata alla mostra Maglifico, Sublime Italian Knitscape a Milano. La visita alla mostra culminava con un divertente e decisamente utile brain(wool)storming. Ma di questo ne parlo più avanti.

Paradossalmente ero più esperta di lavaggio biancheria quando vivevo con i miei genitori rispetto a ora: a 15 anni mia madre mi obbligava a imparare i lavori domestici; considerando che ero l’unica femmina in una famiglia di 5 persone non è che avessi tante scuse a cui aggrapparmi…

“una donna non può non sapere stirare, cucire, rammendare, fare i letti etc etc” 

e quindi anche fare lavatrici con tutto ciò che i preliminari comportano: dividi i capi per colore, per materiale, valuta le macchie e decidi cosa fare per risolvere il problema…
Ora invece delego il più possibile alla mia mitica governante Virgie, ma quando lei non c’è inevitabilmente mi immergo nel mio ruolo di casalinga e faccio del mio meglio…

All’ingresso della mostra a Palazzo Morando mi sono trovata in una piacevole riunione di mamme blogger + una nonna blogger + un fashion blogger.

Federico Poletti, nel guidarci nelle varie sale tematiche e illustrandoci il progetto e l’allestimento, ci accompagna, come dice lui,

“in un’esperienza ludica e coinvolgente. Attraverso l’allestimento … all’interno di un garnde telaio tridimensionale che permette un viaggio avanti e indietro nei temi e nel tempo. Dalla materia al filo, dal filo al design, dal design all’emozione, dall’emozione indietro alla materia”.

All’inizio della mostra un allestimento interattivo celebra la lana e lo storico brand Woolmark, il marchio simbolo della lana migliore al mondo che identifica la lana Merino di provenienza australiana, la più preziosa e sottile.

10 sale tematiche celebrano stile, creatività, sperimentazione nell’utilizzo dei filati per concludersi nella sala Delicates, dedicata ai trattamenti dei capi ispirando maglie impalpabili.

La sala che preferisco è sicuramente Legs Carousell, un tripudio di gambe di manichini che indossano calze dai colori più disparati; come dice Federico Poretti

“le calze sono il termometro del buonumore.”

Come non dargli ragione?

Anche la sala Cardigans non è male, mi piacciono gli uomini in Cardigan.
Il massimo è il capo con un paio di guanti/tasche… geniale!!

Tutte le foto che ho scattato alla mostra sono su FB.

La sala Delicates è allestita con lavatrici Aqualitis di Hotpoint, che sono proprio dei pezzi di arredamento, veramente belle e dei manichini con vestiti indossabili solo da donne di una certa classe.

Qui Lucia di  invacanzadaunavita ci ha condotto a un vero e proprio brainstorming sui problemi del trattamento capi delicati, la lana nello specifico. C’era chi poneva domande e chi cercava di rispondere secondo logica.

Oltre alle mammeblogger che già conoscevo, Valeria di robedamamma e Chiara di yenibelqis, mi sono confrontata con Silvia di La raccolta di Silvia, Gabriella di unamamma, Elena di Elegraf e mammaZan, una nonna esuberante che si occupa di cucina ma ne sa a mazzi di come si cura la biancheria.  Ma la rivelazione è stato Giuseppe, fashion blogger siciliano, moooolto simpatico che ha letteralmente dispensato perle di saggezza della sua nonna Rosa; non gli stavo dietro, mi volevo segnare tutti i suggerimenti che ha dato sul lavaggio biancheria, lavatrice, macchie, capi che si restringono, lana che si infeltrisce, pilling…

Le lavatrici Aqualitis HD sono le uniche lavabiancheria ad avere ottenuto il Woolmark Platinum Care: la certificazione massima della The Woolmark Company, per l’efficacia del loro ciclo specifico per la lana.

E per finire Hotpoint ha sviluppato un’applicazione per iPhone e iPad, Woolover, interamente dedicata al mondo della lana. L’app è suddivisa in tre sezioni:

1. Consigli utili: cura della lana
2. SOS Lana: segreti per eliminare le macchie dalla lana
3. Lo sapevi che…: caratteristiche naturali e rinnovabili con le informazioni e curiosità sulla lana Merino.

4 commenti

Archiviato in Recensioni

Gessi per esterno Crayola.

Ho visto questi grandi gessi per esterno l’anno scorso durante le nostre vacanze in Austria in bici ma a causa delle ridotte capacità delle borse ho dovuto rinunciare all’acquisto.

Neanche l’avessi detto a qualcuno, Crayola, oltre ad altri bei prodotti descritti nel post precedente, ci ha inviato una confezione di Sidewalk Crayons, per noi dai colori caraibici (Carribean Super Bright Bold Colors).

Fino a ieri non sono riuscita a vedere le mie bambine alle prese con l’arte di strada con i grandi gessi Crayola. Fino a oggi ne hanno fatto uso con la baby-sitter che infatti mi ha trasmesso il loro entusiasmo per i colori vivaci e brillanti e per la semplicità nell’impugnare questi gessi da parte di C2.

Oggi finalmente sono andata con M5 e C2 ai giardinetti con i pochi colori rimasti e il sacchettino di macchinine; abbiamo realizzato una città con strade, alberi, farfalle, sole, la scuola materna Pietro Micca che frequenta M5. Direi che M5 ha voluto riprodurre più il nostro quartiere invece di una città.

Dopo i lavori di preparazione è iniziata una gara sfrenata tra C2 ed M5, ognuna con le proprie macchinine e naturalmente la sottoscritta… sembrava la Corsa più pazza d’America, ve lo ricordate quel film? o meglio ancora il cartone animato La Corsa più pazza del Mondo di Hanna-Barbera?

Per completare l’opera la pista è continuata sul castello con il traguardo messo in fondo allo scivolo: vinceva la vettura che atterrava più lontano.

È stata una mattina divertente e serena. Chi l’avrebbe detto che con due figlie e a quasi 40 anni mi sarei rimessa a giocare con le macchinine! Sono tornata indietro di 35 anni, più o meno.

Lascia un commento

Archiviato in bimbi, Recensioni

Invasione Crayola!

Tripudio e fibrillazione, la nostra casa è stata presa d’assalto dai colori Crayola.
M4 non stava nella pelle, e io con lei, e abbiamo aperto subito il tesoro pieno di prodotti magici.

La prima confezione che M4 ha aperto è stata la scatola contenente il Magic Coloring Set Color Wonder, 18 scenette raffiguranti le principesse e 5 pennarelli magici che non macchiano e che colorano magicamente solo la carta Color Wonder.

 

 

 

 

 

 

 

Dopo cena è stato molto faticoso convincere M4 a non aprire altre confezioni e andare a nanna con la promessa che il giorno dopo, al ritorno da scuola, avremmo lavorato tutto il pomeriggio con le tempere e la pasta da modellare, altre due “basi” per stimolare la creatività, particolarmente amati da M4.


Come promesso il giorno dopo, al ritorno da scuola, ci siamo dedicati ai Washable Kid’s Paint; 10 vasetti messi ordinatamente in fila prima di intingere il pennello e liberare la fantasia sul foglio bianco.

I pratici vasetti monocolore con tappo a vite possono essere trasportati senza correre il rischio che, rovesciandosi, fuoriesca il colore. Con queste tempere si possono usare, oltre ai pennelli, spugne, stampini, stencils e chi ne ha più ne metta….. di creatività!!

Piano piano il soggetto che M4 preferisce in assoluto disegnare in questo periodo ha preso forma….

Sua sorella C1…

 

 

 

 

 

 

 

Dopodiché è stata la volta del Mio Risodò, pasta da modellare senza glutine, a base di farina di riso, super morbida e semplice da mescolare. Inoltre è adatta anche ai bambini di 1 anno soltanto, ottimo gioco in cui coinvolgere C1 senza particolari preoccupazioni.

Ogni confezione, sul tappo e sulla base, ha uno stampino: sul tappo è raffigurato un animale e sulla base il cibo preferito, cane con osso, coniglio con carota e così via.
Crayola ci ha inviato tre vasetti del Mio Risodò con i colori primari: giallo, rosso e blu.
Grazie alla semplicità con cui si riesce a mescolare la pasta M4 ha creato altri colori per rendere ancora più variopinto il modellino di sua sorella e una bellissima M di MAMMA! Cosa potrei desiderare di più?!?!

 

1 Commento

Archiviato in bimbi, Famiglia, giochi, Recensioni, vacanze