Archivi categoria: Famiglia

2a tappa: Mittersill-Zell am See (34km)

Da Mittersill partiamo con la pioggia, questa volta senza dividerci :-)

Percorriamo stradine secondarie circondate da prati verdissimi.

img_1104

Ogni tanto si fa qualche pausa, soprattutto in cima alle salite più impegnative.

img_1130

img_1147 img_1148

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Arriviamo a Zell am See e non piove! Cerchiamo lo Jugendherberge a Schmittenstrasse dove abbiamo prenotato per due notti.

L’ostello non è male anche se per raggiungerlo bisogna pedalare in salita.
Anche se non c’è giardino, le camere sono molto grandi; i bambini giocano a ping-pong tutto il tempo mentre noi ci rilassiamo bevendo birra.

Ceniamo in un posto divertentissimo, arredato in maniera piuttosto bizzarra.

Lascia un commento

Archiviato in amici, bici, bimbi, Cicloturismo, Famiglia, Turismo, vacanze

1a Tappa: Krimml-Mittersill (33km)

Abbiamo trascorso la notte alla Pension Marianne: è stato un po’ complicato il rapporto con il personale, soprattutto per la cena dato che chi serviva a tavola non parlava una parola di inglese.

La mattina della partenza per la prima tappa non è una bellissima giornata.
Però non piove…

img_1086

Piano piano il tempo peggiora sempre di più e quando siamo pronti per partire inizia a piovere a dirotto.

I più piccoli con due genitori prendono il treno fino a Mittersill mentre gli altri con i bimbi più grandi pedalano sotto l’acqua per tutto il viaggio.

L’attesa del treno è stata piacevole, è arrivata una bellissima locomotiva a vapore :-)

img_1088

Prima di partire per questa vacanza, da casa siamo riusciti a prenotare a Mittersill una sola camera per due adulti e 4 bambini da Frau Silvia Kals in Felberstraße 31A che gentilmente ci aiutato a trovare un’altra casa dove abbiamo trovato delle camere libere.

Non è stato facilissimo trovare da dormire per cui è consigliabile prenotare in tempo.

Comunque abbiamo trovato una casa molto accogliente con vista sulle montagne innevate!

 

Lascia un commento

Archiviato in amici, bici, bimbi, Famiglia, Turismo

Il Mio San Valentino

Non ho mai amato particolarmente San Valentino e non ricordo come e se festeggiavo questa data con i miei ex :-)

Sta di fatto che dal 2002 il 14 febbraio è diventata una data importante per me e per la mia famiglia: festeggiamo il compleanno di mio marito.

Quindi in occasione del suo compleanno ho preparato un dolce che mi riporta alla mia felicissima infanzia e alla mia festa dei 18 anni, sì perché questo dessert al cioccolato con meringhe è stato preparato per la mia festa dei 18 anni, tutto cosparso di panna montata e in dosi differenti rispetto a quelle che indicherò qui :-)

Ho recuperato la ricetta di una mia prozia, la migliore cuoca di famiglia, che purtroppo non c’è più.

La ricetta originale del dolce freddo con gli schiumini.

La ricetta originale del dolce freddo con gli schiumini.

INGREDIENTI

100 gr zucchero
50 gr zucchero vanigliato
4 tuorli d’uovo freschi
200 gr burro ammorbidito
100 gr cioccolato fondente
latte
150 gr meringhe

Mescolare i due zuccheri e dividerli in parti uguali (75 gr ciascuno).

A una parte aggiungere i tuorli d’uovo e montarli fino rendere il composto una crema chiara e soffice.
Aggiungere l’altra parte al burro ammorbidito e lavorare anch’essa con un cucchiaio di legno fino a renderla una crema.

Montare tuorli e zucchero mescolato a zucchero vanigliato.

Fare liquefare, a bagnomaria, il cioccolato con tre cucchiai di latte.

Unire il primo composto con il secondo e quindi con il cioccolato quando sarà intiepidito.

Liquefare il cioccolato a bagno maria con tre cucchiai di latte.

Liquefare il cioccolato a bagnomaria con tre cucchiai di latte.

Foderare uno stampo di carta di alluminio. Io ho usato uno stampo da plum cake.

A questo punto si possono sbriciolare le meringhe nel composto e mescolare per bene quindi versarlo nello stampo oppure versare nello stampo uno strato di crema, su questo disporvi uno strato di meringhe e così via.

Il dolce deve essere riposto in frigorifero per almeno tre ore perché si indurisca per bene.

Estrarlo dal frigo e dallo stampo subito prima di essere consumato.

Le decorazioni delle torte sono quasi sempre opera di M8 e C5 ;-)

Le decorazioni delle torte sono quasi sempre opera di M8 e C5 ;-)

Lascia un commento

Archiviato in Famiglia, ricette

Torta paradiso

Qualche giorno fa abbiamo festeggiato i compleanni di due nonni e una prozia in una volta sola, per un totale di 243 anni…

Festeggiamo 243 anni : 3

Dato che uno dei nonni è stato rettore dell’Università di Pavia e ha pranzato e cenato spesso in quella bellissima città, ha una passione particolare per la torta paradiso della pasticceria Vigoni.

Mio marito e io, ci siamo cimentati nella preparazione di questa deliziosa torta seguendo alla lettera la ricetta.

Le dosi di uova, burro e zucchero inizialmente mi hanno un po’ perplessa ma sfornare e deliziare il palato con una torta così soffice e delicata è stata una vera gioia per tutti, festeggiati e festeggianti ;-)

  • 300 g di zucchero semolato
  • 300 g di burro
  • 150 g di farina
  • 150 g di fecola di patate
  • 150 g di zucchero a velo
  • 8 uova
  • 1 limone
  • 1 bustina di lievito
  • 1 bustina di vanillina

Fare ammorbidire il burro lavorandolo con un cucchiaio di legno.

Burro ammorbidito

Burro ammorbidito

Aggiungere la scorza del limone grattugiata, i tuorli, lo zucchero semolato, la farina e la fecola di patate setacciate.
Noi abbiamo aggiunto una bustina di lievito e una di vanillina.

È importante setacciare le farine per non rischiare di formare grumi.

Dopo avere montato gli albumi a neve è necessario incorporarli con delicatezza e senza fretta.

Scaldare il forno fino a 170°, versare il composto in una teglia imburrata e infornare per circa un’ora.

Quando la torta è pronta lasciarla intiepidire, togliere dalla teglia e lasciarla raffreddare su una gratella.

Infine cospargerla con zucchero al velo.

Anche al mattino con il latte e davvero deliziosa o all’ora del tè.

Poi però suggerirei un’intensa attività sportiva per smaltire le calorie assunte, nel caso siate come me che non sapete trattenervi di fronte ai dolci ;-)

1 Commento

Archiviato in Famiglia, ricette

3a Tappa: Angath-Kiefersfelden (25 km)

Ci svegliamo e piove, la colazione è abbondante ma nulla di che.

Partiamo senza pioggia ma con il cielo, dopo avere assistito al taglio delle unghie delle mucche. I bimbi sono affascinati, in effetti non capita tutti i giorni una scena simile :-)

Guardate cosa fanno alle mucche...

Guardate cosa fanno alle mucche…

 

... la pedicure!

… la pedicure!

A 8 km da Kiefersfelden inizia a piovere a dirotto ma ci copriamo con i giacchini da pioggia…

assetto antipioggia.

assetto antipioggia.

…e proseguiamo anche perché ci siamo fermati a lungo ad aggiustare la camera d’aria di M7 che ha bucato 2 volte.

Riparazione bici.

Riparazione bici.

A Kufstein abbandoniamo la Innradweg che attraversa l’Inn e passa dall’altro lato del fiume.
Proseguiamo lungo la ciclabile che corre lungo il fiume e all’altezza di un battellino che attraversa il fiume con il cavo d’acciaio sfruttando la corrente, lasciamo l’Inn e ci dirigiamo nel centro del paese.

Troviamo la Gasthaus Gutz e ci sistemiamo nelle camere (70 euro). Doccia e poi pranzo sul balcone. Siamo piuttosto stanchi.

La sera ceniamo al ristorante Zur Post, che è anche hotel. Ottimi piatti, economici e servizio impeccabile.

1 Commento

Archiviato in bici, bimbi, Cicloturismo, Famiglia, Turismo, vacanze

Mappe di Italia illustrate

Il logo di ItalyforKids

Il logo di ItalyforKids

Da qualche mese la mia vita ha avuto una svolta significativa: ho deciso di diventare imprenditrice.

Con tutti i problemi del caso, prima di tutto economici, ho deciso di investire i miei risparmi in un’avventura, che per ora mi sta dando tante soddisfazioni riscontrabili nei commenti delle persone che seguono il mio progetto.

Ho fondato una casa editrice, ItalyforKids e ho prodotto una mappa illustrata di Milano con stickers. Questo è solo il primo nato di una serie di progetti che sto sviluppando assieme alla mia “sociamica” :-)

IMG_7724

Realizzare mappe delle città di Italia è un desiderio nato dalla necessità di vedere dei prodotti editoriali, relativi all’Italia, che già esistono per i paesi stranieri. Nei bookshop italiani e non si trovano sempre e solo materiali relativi alle città straniere: bellissime mappe illustrate di New York, Parigi, Londra, Los Angeles…

C7, giusto l’estate scorsa , in un nostro viaggio all’estero, ha voluto tenere in mano la mappa di Innsbruck per condurci al Goldenes Dachl. Tornata a Milano mi sono decisa e, assieme alla mia “sociamica” di cui sopra, mi sono data da fare per trovare un bravo illustratore che conoscesse già il mondo delle mappe, che non è così scontato.

Abbiamo scoperto una bellissima illustrazione di Mattia Cerato alla Libreria dei Ragazzi di via Tadino e dopo averlo contattato, ci siamo incontrati e il lavoro è partito subito, anche grazie all’entusiasmo di Mattia.

I destinatari delle mappe sono soprattutto i bambini ma abbiamo scoperto che anche gli adulti apprezzano la mappa, forse perché abbiamo riservato anche a loro delle curiosità: come scrive Arianna Chieli nel suo Fashioblabla “La città è abitata da adulti, bambini e da personaggi famosi che faranno sorridere anche i più grandi.” A voi il compito di scovarli, se vorrete scoprire la mappa.

Ora eccoci qui, distribuiti, per ora in circa 30 punti vendita a Milano e già con la mente rivolta ad altri prodotti for kids.

Ma di questo parlerò a tempo debito ;-)

Tanti bei saluti da Mammatutto Mappatutto.

 

Perché in via Tadino c'è un bimbo che legge?

Perché in via Tadino c’è un bimbo che legge?

Lascia un commento

Archiviato in bimbi, Educazione, Famiglia, giochi, Italia, libri, Milano, Turismo